/apps/enel-x-digital-ecosystem/templates/page-content

Taking the e-mobility Revolution to Brussels

Portiamo la e-Mobility Revolution a Bruxelles

Il report di Enel ed European House Ambrosetti sulla e-Mobility Revolution viene presentato a Bruxelles

Pubblicato il: 06 OTTOBRE, 2017

Buone notizie

Mobilità elettrica e la Global Business Line e-Solutions di Enel in prima linea a “Echi di Villa d’Este”. L'incontro, organizzato a Bruxelles il 28 settembre dal Gruppo di Iniziativa Italiana, rappresenta un'occasione per approfondire e portare nel cuore della UE i temi trattati al 43° Forum di Cernobbio, promosso da The European House-Ambrosetti (THEA), a Ville d'Este sul lago di Como. Al centro del meeting, moderato dal direttore di Ansa Europa Enrico Tibuzzi, un panel dedicato al tema della mobilità elettrica, che è stato anche oggetto dello studio e-Mobility Revolution, presentato ai primi di settembre e realizzato da THEA in collaborazione con la Global Business Line e-Solutions di Enel. I lavori sono stati aperti da Elena Basile Ambasciatore d’Italia a Bruxelles, e sono proseguiti con la relazione introduttiva di Valerio De Molli, CEO di The European House Ambrosetti.
Electric Mobility

Mobilità Elettrica

Alla guida della trasformazione globale che cambia il modo di muoversi

Sono seguiti gli interventi dell’Ambasciatore presso il Coreper I della Rappresentanza Permanente UE Giovanni Pugliese e del Presidente del Gruppo d’Iniziativa Italiana Roberto Zangrandi, sugli scenari economici e tecnologici europeo e italiano e il ruolo della mobilità elettrica come volano di competitività del sistema italiano ed europeo.

Un punto di svolta

Alberto Piglia, responsabile e-Mobility Enel X, tra i relatori del panel dedicato alla mobilità elettrica, ha presentato le best practices della nostra divisione nel settore con un'analisi che, dal mercato italiano, ha spaziato verso una prospettiva europea. “Solo pochi anni fa si discuteva di mobilità elettrica come di un'idea, oggi, parliamo di azioni concrete che la trasformeranno in realtà. Tutto questo grazie ai veloci progressi della tecnologia che rendono la e-mobility un valido strumento per  affrontare alcune delle grandi sfide dei prossimi anni”, ha spiegato Piglia. La mobilità elettrica, ha aggiunto, rappresenta un “game changer”, un vero punto di svolta, perché risponde in modo efficace a problemi quali la crescita della popolazione, l'urbanizzazione e l'inquinamento atmosferico..

 

L'e-mobility, infatti, offre vantaggi in termini di efficienza energetica, sostenibilità ambientale e sicurezza, ha sottolineato il manager, evidenziando che rappresenta soprattutto un'opportunità di crescita sostenibile: “La catena del valore della mobilità elettrica include in sé molteplici filiere industriali e di servizio, con un notevole potenziale in termini di valore aggiunto e occupazione. È in quest'ottica che l'elettrificazione dei sistemi di trasporto rappresenta un'importante opportunità per l'industria e per la modernizzazione dell'economia europea”. Il passo da compiere ora, ha concluso Piglia, “è trasformare i vantaggi della mobilità elettrica in soluzioni concrete per i consumatori europei”.

Legislazione europea

La mobilità elettrica, infatti, è uno dei temi principali all’attenzione del legislatore a Bruxelles. L'8 novembre è stata presentata la seconda parte del cosiddetto Mobility Package, dopo le sei iniziative legislative presentate lo scorso 30 maggio. La nuova tranche di interventi contiene, tra l'altro, un’analisi dell’attuale stato di implementazione dei piani strategici nazionali miranti allo sviluppo delle infrastrutture di ricarica e distribuzione dei combustibili alternativi.
Oltre a Piglia al dibattito sulla mobilità elettrica sono intervenuti Simona Bonafè, deputata della Commissione ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare del Parlamento europeo, e Alessandro Carano, membro del Gabinetto del Commissario ai trasporti Violeta Bulc.